Browsing Category

design

design editoria

FATTOBENE. Anche come un libro

Le cose belle, non vanno mai dimenticate. Anzi, bisogna seguirne sempre gli sviluppi per vederle crescere. Una di queste è FATTOBENE, un progetto che lega il design di prodotti Made in Italy alla storia industriale del nostro Paese, all’amore per il bello e al racconto di tradizioni che hanno contraddistinto intere generazioni.

Ne avevo già parlato qui. Ma nel frattempo, questo progetto è diventato ancora più bello. Ora, infatti, è anche un libro, FATTOBENE – Italian Everyday Archetypesedito da Corraini, e in questa veste lo trovate qui.

FATTOBENE, nato nel 2015 da un’idea della giornalista Anna Lagorio e del fotografo Alex Carnevali, vuole diventare un atlante della cultura materiale italiana”, presentando prodotti di uso comune che, negli anni, hanno “fatto” la storia della produzione industriale italiana. Oggetti che dalla loro nascita ad oggi sono sempre rimasti tali – dalla qualità produttiva al packaging – trasformandosi nel segno distintivo di un marchio e di un’epoca. Dalla colla Coccoina al profumo di mandorla alle Amarene Fabbri vendute nel noto vaso di ceramica decorato, dagli spazzolini Acca Kappa alle liquirizie Amarelli, e tanti altri…

FATTOBENE è anche un affascinante progetto di comunicazione, che accosta l’interesse per il design industriale italiano, alla forza dello storytelling e della fotografia, dando vita ad un mix narrativo che crea il terreno per un lavoro (e una trama) in continua evoluzione e sperimentazione.

 

Per scoprire molti di questi prodotti bisogna provare ad immergersi nel mondo di FATTOBENE. Sfogliare le pagine di questo libro e provare a ricordare: chissà quante, di queste cose, abbiamo usato in passato o usiamo ancora oggi. Così, per abitudine. Magari senza saperne la storia o come vengono realizzate, oppure senza chiedersi perché le troviamo sugli scaffali dei negozi in cui andiamo a fare la spesa da decenni e più.

 

Il volume FATTOBENE – Italian Everyday Archetypes (realizzato con 4 copertine diverse), ne racconta la storia raccogliendo tra le sue pagine materiale d’archivio – in gran parte inedito – che comprende fotografie, cartoline, prototipi, manifesti pubblicitari.

Ma FATTOBENE è anche una piattaforma in continua evoluzione. Aperta alla ricerca continua di nuovi prodotti, nuove storie, nuovi elementi iconici del design e della storia italiana.

Un progetto da continuare assolutamente a seguire, quindi, ed è possibile farlo da qui.

Foto: credits FATTOBENE

design

Il design che racconta luoghi speciali, con forme e colori

Tiritera Design Baguette

Due architetti, la passione per il design e una città affascinante, come Parigi. È così che nasce il progetto creativo di Tiritera Design, una collezione di tessili Made in Italy dal particolare mood grafico che spazia dalla moda personale agli oggetti per la casa. Punto di ispirazione: la stilizzazione simbolica di città, monumenti, icone architettoniche e culturali di luoghi speciali. Continua a leggere

design

Un calice di vetro, unico e asimmetrico, come una bolla di sapone

Bubble, il calice di vetro ideato dallo studio Kanz di Venezia

Si chiama Bubble, bolla, è ed un calice di vetro borosilicato ideato dallo studio Kanz di Venezia. Si chiama così, proprio perché assomiglia ad una bolla, ma anche perché viene creato come come si fa con le bolle di sapone. Soffiato e lavorato con una tecnica particolare, che gli dona forme e linee del tutto inconsuete, frutto di attente analisi e sperimentazioni sul suo processo di produzione industriale.

Continua a leggere

design ispirazioni

Il senso dell’abitare alla Biennale di Architettura 2016

Biennale di Architettura di Venezia, Arsenale

Quest’anno la Biennale di Architettura 2016 di Venezia è stata, per me, una riflessione sul senso e sui modi dell’abitare. Il punto di partenza per esplorare il significato di quello che può chiamarsi casa o che può diventare casa, anche nella sua forma più transitoria. Di quello che il design e l’architettura devono provare a fare per migliorare un’abitazione e per far sì che le persone che la vivono possano stare bene – o stare meglio – al suo interno.

Continua a leggere

design

La natura aiuta la tecnologia con un oggetto di design

iTòch, un amplificatore acustico naturale per il suono emesso da iphone, ipod e da tutti gli altri tipi di smarthphone

La natura (un semplice pezzo d’abete) può aiutare e migliorare l’uso della tecnologia (ad esempio, di uno smartphone) diventando un oggetto di design, iTòch. Un amplificatore acustico naturale per il suono emesso da iphone, ipod e da tutti gli altri tipi di smartphone, senza l’ausilio di batterie e circuiti. È la storia di un singolare progetto di design nato dalla creatività di Davide e Daniele Barbieri e del loro fab lab mantovano Realizzatori di Idee.

Un laboratorio aperto a creativi, designer ed artisti, e a chiunque abbia ha voglia di raccontare e realizzare progetti e (appunto) nuove idee. Con una missione che condivido appieno: dare vita a nuovi oggetti, pensarli, crearli e soprattutto dargli un’anima.

Continua a leggere

design

Piatti (e non solo) che diventano opere d’arte

Collezioni piatti Kiasmo

Nella collezione di piatti realizzata dal designer e architetto Vincenzo D’Alba, per il marchio italiano Kiasmo, a far da protagonista è la purezza del segno grafico e il suo significato semantico, che trae ispirazione da un vasto patrimonio storico e artistico – non solo italiano – passato e contemporaneo. Tutti i prodotti Kiasmo nascono dalla contaminazione tra diverse discipline: design, arte, architettura e moda. E Vincenzo d’Alba mi ha raccontato come.

Continua a leggere

design editoria

Il vecchio e il mare, in una scatola… di sardine

Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway disegnato da Nina Cornelison

Una rilettura del romanzo Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway quanto mai originale, quella firmata dalla graphic designer americana Nina Cornelison, che attraverso un affascinante progetto di studio e design ha dato vita ad un’edizione e a un packaging davvero particolari.

Un libricino, dalla grafica minimale, racchiuso nientemeno che in una scatola di sardine.

É curioso vedere le nuove forme che possono prendere tutti gli oggetti che almeno una volta hanno fatto parte del nostro vissuto: ad esempio, un libro famoso come Il vecchio e il mare (perché, chi non l’ha mai letto?). Ma ancor più interessante è scoprire la magia ispiratrice che ha permesso di sviluppare nuovi messaggi e nuovi codici espressivi. Nina Cornelison mi ha raccontato cosa ha significato per lei, in un delizioso e piacevole carteggio dall’Italia agli Stati Uniti.

Continua a leggere

design

Il design parigino che gioca con la casa

HARTÔ design parigino

HARTÔ è un giovane marchio di design parigino nato per dare forma e visibilità alle idee e ai progetti di designer francesi ed europei.

Il mood è delizioso: realizzare mobili funzionali e intelligenti, ma allo stesso tempo semplici e giocosi, mescolando il legno naturale a palette di colori allegri.  Verde pastello, rosa fragola, azzurro Anni ’50. Per HARTÔ – come per me – la casa è infatti il luogo del relax e del buonumore.

Perché le cose che ci circondano – e con cui viviamo ogni giorno – devono aiutarci a non annoiarci mai e soprattutto, a non prenderci mai troppo sul serio.

Continua a leggere

design

Dove filati e tessuti sono tinti con erbe, fiori e bacche

Lana in tops tinto con la robbia dalla Tintoria di Quaregna

Sono 212 (per ora) le erbe con cui sono tinti, in modo completamente naturale, filati e tessuti, nella antica Tintoria di Quaregna, nata nel cuore del territorio biellese nel lontano 1948. Colori che derivano da sandalo, liquirizia, mirtillo, noce, papavero ma anche da calendula, malva o dalla curcuma: questi sono alcuni degli ingredienti con cui i laboratori della Tintoria di Quaregna oggi realizzano tinte unite e melange, al 100% naturali, per prodotti tessili destinati all’abbigliamento, al knitting e al settore Home.

Continua a leggere