Browsing Tag

progetti

design luoghi

Il senso dell’abitare alla Biennale di Architettura 2016

11 novembre 2016
Biennale di Architettura di Venezia, Arsenale

Quest’anno la Biennale di Architettura 2016 di Venezia è stata, per me, una riflessione sul senso e sui modi dell’abitare. Il punto di partenza per esplorare il significato di quello che può chiamarsi casa o che può diventare casa, anche nella sua forma più transitoria. Di quello che il design e l’architettura devono provare a fare per migliorare un’abitazione e per far sì che le persone che la vivono possano stare bene – o stare meglio – al suo interno.

Continua a leggere

arredo design kids

Una sedia in cartone, per arredare e per giocare

26 ottobre 2016
sedia in cartone single for kids di A4Adesign per arredare e per giocare

Leggero ma robusto, personalizzabile ed ecologico: è il cartone alveolare. Un materiale semplice e apparentemente povero, ma capace di dare vita a mobili e oggetti utili e originali, come quelli progettati dallo studio A4Adesign e dai suoi ideatori, entrambi architetti, Nicoletta Savioni e Giovanni Rivolta.

Tra questi, ultima arrivata nel portfolio dello studio milanese, una piccola sedia per bambini, single for kids, pensata per creare spazi di arredo allegri e colorati, facili da vivere e da giocare.

Continua a leggere

design editoria

Il vecchio e il mare, in una scatola… di sardine

20 giugno 2016
Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway disegnato da Nina Cornelison

Una rilettura del romanzo Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway quanto mai originale, quella firmata dalla graphic designer americana Nina Cornelison, che attraverso un affascinante progetto di studio e design ha dato vita ad un’edizione e a un packaging davvero particolari.

Un libricino, dalla grafica minimale, racchiuso nientemeno che in una scatola di sardine.

É curioso vedere le nuove forme che possono prendere tutti gli oggetti che almeno una volta hanno fatto parte del nostro vissuto: ad esempio, un libro famoso come Il vecchio e il mare (perché, chi non l’ha mai letto?). Ma ancor più interessante è scoprire la magia ispiratrice che ha permesso di sviluppare nuovi messaggi e nuovi codici espressivi. Nina Cornelison mi ha raccontato cosa ha significato per lei, in un delizioso e piacevole carteggio dall’Italia agli Stati Uniti.

Continua a leggere

design

Quei prodotti italiani che esistono da generazioni

10 maggio 2016
FATTOBENE - storia di oggetti di design industriale

FATTOBENE è un atlante virtuale di prodotti italiani che hanno fatto la storia dell’design industriale del nostro Paese. Una raccolta di oggetti che esistono tali e quali da generazioni, e che da generazioni intere continuano ad essere utilizzati nel medesimo modo, diventando così parte di un vissuto quotidiano – che mi piace definire – senza tempo.

Chi non ricorda, ad esempio, quel particolare e intenso profumo di mandorla che ti restava nel naso e sulle dita dopo aver finito l’ennesimo collage a scuola?

Basta fare un veloce salto indietro nel tempo per ritrovarsi di nuovo alle prese con la colla Coccoina, quella che si usava proprio per ‘appiccicare’ carta, stoffa e fotografie. Oggi la colla Coccoina esiste ancora, proprio come allora. E dal 1927 viene prodotta con la stessa ricetta da un’azienda di Voghera (Pavia), la Balma Capoduri & C.
E la sua storia è davvero affascinante.

Continua a leggere

arredo design luoghi

Nuovi materiali, nuovo design. Nuovi significati

1 maggio 2016
Stokkies, nuovo progetto di design dello Studio Lotte Douves

Spesso mi chiedo perché un oggetto di design, un mobile o un complemento d’arredo mi piaccia di più di altri. Uno dei motivi è per il messaggio che comunica attraverso le forme, i colori, i materiali con cui è realizzato. Per la capacità unica e originale di raccontare a cosa serve e da cosa nasce.

Questa domanda me la sono fatta – come ogni anno –girovagando al Salone Satellite di Milano, quel ‘fuorisalone’ dentro il Salone ufficiale che premia i lavori di giovani designer emergenti. “Nuovi materiali. Nuovo design” è stato il fil rouge dei progetti, e di tutti gli oggetti, che ne sono derivati. Eccone alcuni e quello che hanno significato, per me.

Continua a leggere

arredo design luoghi

Milano Design Week. Alcune cose da non perdere

10 aprile 2016
Archiproducts Milano

Manca davvero poco all’inizio della Milano Design Week 2016.
Tra Salone del Mobile e Fuori Salone le cose da vedere sono sempre tantissime. Soprattutto per chi – come me – dovrà concedersi una full immersion tra arredo e design di appena qualche giorno.

Per orientarmi tra luoghi ed eventi non potevo quindi non preparare la mia lista di cose preferite, quelle da non perdere assolutamente. Da assaporare con tranquillità tra una scoperta e l’altra.

Come per il mio blog, anche per la Milano Design Week le mie parole chiave sono design, storie e luoghi.
Ecco quindi la mia wishlist. Continua a leggere

design

Diogenèa, 20 storie per 1 oggetto

20 marzo 2016
Diogenèa - A tale of bowls

Può un oggetto, apparentemente identico, raccontare 20 storie diverse?

Si, se l’oggetto in questione viene ridotto alla sua forma essenziale, diventando il punto di partenza per realizzare uno studio di design davvero curioso: mettere a confronto l’uso di materiali e lavorazioni differenti, attraverso gli aneddoti e il lavoro di chi quell’oggetto lo ha realizzato.

Il progetto si chiama Diogenèa – A tale of bowls. Il protagonista è una ciotola, tonda. Un oggetto semplice, essenziale, universale.

L’idea è di ZPSTUDIO, atelier di architettura e di industrial design di Firenze, che ho conosciuto alla scorsa edizione di Operae, il festival del design indipendente che ogni anno di svolge a Torino. Ed è stata subito una folgorazione narrativa, per chi – come me – adora ascoltare le storie imprevedibili del saper fare e degli oggetti che ne derivano.

Continua a leggere

design tessile

Tipicoatipico, la nuova storia dei souvenir

13 marzo 2016
apertura

In principio era il souvenir. Quell’oggetto di uso comune, capace di raccontare un luogo e le sue tradizioni. Quel qualcosa che, di solito, si porta via dopo un viaggio. Per ricordarlo.
Oggi invece è il protagonista di un progetto di design dal mood contemporaneo, Tipicoatipico. Una collezione work in progress ideata da Lanificio Leo, opificio-museo e lab di sperimentazione tessile di Soveria Mannelli (in provincia di Catanzaro). Continua a leggere